Perché fare un co-design workshop?

09 Gen 2020 - - by Lucia Cosma

Perché fare un co-design workshop?

09 Gen 2020 - - by Lucia Cosma
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Nei nostri articoli parliamo spesso dell’utilità del Design Thinking per individuare soluzioni innovative orientate ai bisogni delle persone. Per ottenere i benefici di questo approccio e abilitare un cambiamento effettivo e reale, è fondamentale sapere come mettere correttamente in pratica la metodologia attraverso un workshop di co-design. Vediamo quindi di capire meglio di cosa si tratta e come si inserisce nell’approccio al Design Thinking.

Come si fa co-design?

Il co-design è un approccio innovativo che coinvolge direttamente tutti gli stakeholder nella generazione delle idee e nella progettazione di un’innovazione con l’obiettivo di condividere le necessità di tutti e convogliare verso un obiettivo comune.

Per favorire la co-progettazione, le attività di co-design vengono strutturate in workshop per raccogliere attorno allo stesso tavolo e far dialogare persone con competenze diverse, che diventeranno i co-autori del nuovo progetto.

Cos’è un workshop di co-design?

Un workshop di co-design è un’attività di progettazione collaborativa, che consiste in una sessione di lavoro di gruppo, suddivisa anche in più appuntamenti, che riunisce gli attori coinvolti nell’erogazione o nell’utilizzo di un servizio per discutere le criticità esistenti e individuare possibili soluzioni, seguendo un percorso guidato e strutturato appositamente in base ai temi da trattare.

Durante il workshop di co-design le persone coinvolte contribuiscono con le loro competenze, conoscenze e professionalità alla definizione dell’argomento in oggetto e all’individuazione di possibili soluzioni. In alcuni casi, le sessioni di lavoro si allargano a coinvolgere anche attori esterni all’azienda, nonché gli utilizzatori finali di un servizio.

I benefici di un co-design workshop

Un workshop di co-design è strategico per allineare il punto di vista di tutte le persone coinvolte nel progetto e individuare in modo veloce ed efficace soluzioni per risolvere un problema o per cogliere nuove opportunità.

Nello specifico possiamo sintetizzare i seguenti benefici di una sessione di design collaborativo:

  • Ottenere velocemente una panoramica delle esigenze chiave dei diversi componenti del gruppo.
  • Facilitare il dialogo tra i vari team aziendali per convergere le diverse competenze ed esigenze verso lo stesso obiettivo.
  • Stimolare l’individuazione di nuove opportunità: facendo leva sulla conoscenza collettiva delle persone riunite in quel momento, le si invita ad uscire dai rispettivi campi di competenza, creando così occasioni di contaminazione.
  • Velocizzare il processo decisionale e confermare o smentire rapidamente la fattibilità di un’idea, evitando che venga perso tempo in soluzioni inutili.
  • Motivare gli attori più scettici ad identificarsi nella soluzione proposta, e di conseguenza, a trasformarli in portatori della novità anche verso coloro che non hanno partecipato.

Rimanete aggiornati sulle prossime uscite del nostro Journal per scoprire come organizziamo le sessioni di co-design con i nostri clienti.

Scopri il caso concreto LU-VE Group

iscriviti-alla-newsletter

Condividi su:

Lucia Cosma

  • Non fermiamoci: 4 approcci che oggi ci possono rendere più competitivi di ieri

  • Coinvolgere i dipendenti nella progettazione della Intranet per una società assicurativa

  • Workshop di Design Thinking: 5 consigli utili

  • Design Thinking Workshop: le caratteristiche di un’attività di co-design efficace

  • Spunti dal XIII Summit di Architecta

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci i tuoi dati e ti iscriveremo alla nostra Newsletter. Riceverai una mail ogni volta che uscirà un nostro nuovo articolo. Non ti preoccupare, non ti intaseremo la casella di posta e - se cambierai idea - potrai cancellarti in qualsiasi momento.
* campi richiesti
Interessi
Privacy *