Spazio 65+: esperienza concreta di experience mapping

17 Gen 2017 - - by Paola Avesani

Spazio 65+: esperienza concreta di experience mapping

17 Gen 2017 - - by Paola Avesani
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Oggi parliamo di esperienze reali e più precisamente di workshop.

La scorsa primavera il team UX di Intesys è stato direttamente coinvolto per realizzare due workshop per Spazio 65+, un progetto nato dall’associazione Aribandus, con obiettivo la realizzazione di uno sportello fisico ed un portale digitale in grado di erogare servizi di informazione e orientamento, per supportare le persone over 65 e le loro famiglie nell’affrontare esigenze personali e familiari legate alla terza età.

I due workshop si sono svolti in due momenti temporali differenti e con utenti diversi:

  • Primo workshop: svolto con i familiari degli anziani (data 9 marzo 2016)
  • Secondo workshop: svolto con gli over 65 (data 11 marzo 2016)

L’obiettivo principale è stato quello di comprendere come far emergere i diversi bisogni degli attori coinvolti per definire:

  • Touchpoint fisici e digitali del progetto
  • Analisi e mappatura del sistema attuale
  • Elenco dei contenuti desiderati o presenti
  • Scenari offline ed online

Per ottenere la massima resa da questi workshop e tornare in azienda con una visione più completa possibile su come e quale interfaccia realizzare per lo sportello digitale, è stato adottato uno strumento chiamato experience mapping.

L’experience mapping

Per experience mapping si intende un particolare processo dove i progettisti/designer si affiancano agli stakeholder con un unico obiettivo, quello di generare più idee possibili ed individuare quelle più proficue e sulle quali ha senso investire lo sviluppo progettuale.

Applicabile a qualsiasi team di lavoro, l’experience mapping aiuta, quindi, a ricercare una possibile soluzione al problema che si vuole risolvere.

Ma per comprendere le potenzialità di questo approccio e metodo di lavoro, descriviamo ora come si sono svolti i due workshop (sostanzialmente uguali ma con stakeholder diversi), e come l’experience mapping sia stato decisivo nella definizione degli obiettivi da raggiungere e del come raggiungerli.

I due workshop

Avendo tempistiche ridottissime per motivi di disponibilità delle persone, il workshop si è svolto in poco meno di tre ore. I cinque step del metodo sono stati ottimizzati e proposti in una forma molto più breve e concentrata.

Nonostante il primo ed il secondo workshop siano stati fatti con stakeholder diversi, il procedimento utilizzato è stato il medesimo. Durante il primo workshop sono stati coinvolti circa 15 familiari mentre, nel secondo workshop, gli over 65 che hanno partecipato erano circa 12.

Entrambi i workshop, composti da 5 fasi diverse e che hanno visto coinvolti i vari attori sia individualmente che in gruppo, verranno affrontati e spiegati per esteso nel prossimo articolo dell’Intesys Journal che verrà pubblicato nei prossimi giorni. Stay tuned!!

(Ha contribuito all’articolo l’intero Team UX Design di Intesys)

iscriviti-alla-newsletter

Condividi su:

Paola Avesani

  • Trasformazione digitale nel settore assicurativo: sfide competitive e nuove tecnologie abilitanti

  • Digital Integration Hub, un nuovo paradigma architetturale per abilitare l’offloading dei sistemi legacy

  • Le aziende più innovative del 2019 spingono su User Experience e Omnicanalità

  • Liferay Symposium 2019: le novità in vista per la digital experience

  • 4 API trend da seguire nel 2020

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci i tuoi dati e ti iscriveremo alla nostra Newsletter. Riceverai una mail ogni volta che uscirà un nostro nuovo articolo. Non ti preoccupare, non ti intaseremo la casella di posta e - se cambierai idea - potrai cancellarti in qualsiasi momento.
* campi richiesti
Interessi
Privacy *