• team

Cosa desidera il team dal proprio manager?

16 Feb 2017 - - by Federica Beretta

Cosa desidera il team dal proprio manager?

16 Feb 2017 - - by Federica Beretta
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Mi è capitato spesso di leggere articoli sulla difficile gestione dei dipendenti più performanti, da alcuni chiamati anche “star”, e delle loro richieste.

In un mercato del lavoro dinamico e in continuo cambiamento è necessario che le figure manageriali si “trasformino” per facilitare i risultati dei best performer, e non solo, e di conseguenza dell’azienda stessa. I vecchi stili dirigenziali non sono più idonei per guidare i Millennials e le nuove generazioni che si affacceranno al mondo professionale. In caso contrario il risultato sarà che se ne andranno e il tempo investito per la loro formazione sarà stato vano.

Da Millennials nata negli anni ’80 e da new manager provo a riassumere quali ritengo siano le dinamiche vincenti con il proprio leader.

  1. Capacità di ascolto e di dare feedback veloci e continui. Migliore è la comunicazione, migliore il rendimento.
  2. Capacità di dare sfogo alle loro idee e non giudicare prima di pesare il loro operato.
  3. Disponibilità a dare fiducia e non guardarli male perché mentre svolgono un compito assegnato cercano info su google e condividono un post aziendale o ascoltano musica con le cuffie… sono multitasking e in grado di fare più cose nello stesso momento. Vivono nell’era dei mille stimoli! Avete dubbi? Verificate che le priorità siano state fatte et voilà.
  4. Premiarli e non intendo solo economicamente. Apprezzano complimenti e gratificazioni. Non costa nulla, ma è un inizio vincente.
  5. Pianificare un percorso di carriera e mantenere le promesse se i kpi vengono raggiunti.
  6. Fare gioco di squadra. Sono la generazione della collaborazione e dell’integrazione. Quindi sì ai festeggiamenti per il raggiungimento di obiettivi e a premi non pecuniari come aperitivi e cene.
  7. Flessibilità: un tema caldissimo direi. In realtà desiderano meno rigidità negli orari e una persona aperta a valutare le loro richieste. Se contenti rendono di più.
  8. Tempo. Inutile dire che è la risorsa più preziosa, soprattuto nella nostra epoca. Per chi, per concludere un progetto importante, nelle ultime settimane ha rinunciato alla pausa pranzo o ha lavorato fino a tardi, perché non concedere un paio d’ore libere o una giornata? Sono quello che ci vuole per ricaricare le batterie e tornare operativi con motivazione ed energia.

Ogni realtà aziendale valuta le proprie possibilità ma credo che anche qualche piccolo accorgimento di comportamento e di apertura nei confronti del proprio team sia un primo passo importante per una retention di talenti nettamente più alta.

Engagement dei collaboratori = più buon umore = più produttività

Articolo originale uscito su LinkeIn Pulse

iscriviti-alla-newsletter

Condividi su:

Federica Beretta

  • Area riservata, come cavalcare l’avanzata della popolazione digitale?

  • benessere lavoro

    Cosa crea benessere sul lavoro?

  • futuro del lavoro

    Il futuro del lavoro: uno sguardo al 2020

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci i tuoi dati e ti iscriveremo alla nostra Newsletter. Riceverai una mail ogni volta che uscirà un nostro nuovo articolo. Non ti preoccupare, non ti intaseremo la casella di posta e - se cambierai idea - potrai cancellarti in qualsiasi momento.
* campi richiesti
Interessi
Privacy *