• microservizi api

Il ruolo di API e microservizi in un’Architettura IT

29 Ago 2019 - Nessun commento - by Enrico Costanzi

Il ruolo di API e microservizi in un’Architettura IT

29 Ago 2019 - Nessun commento - by Enrico Costanzi
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

L’architettura a microservizi è la soluzione emersa come risposta alla necessità delle aziende di scalare ed evolvere velocemente l’innovazione dei propri prodotti.
L’adozione di tale approccio architetturale ha consentito alle aziende di allontanarsi da applicazioni monolitiche che, dopo anni di evoluzione, impedivano di aggiornare i propri sistemi in modo agile e sicuro, a favore di una struttura applicativa basata su servizi indipendenti che comunicano tra loro e che vengono distribuiti in maniera autonoma dagli altri. 

La diffusione dei microservizi ha visto la progressiva distribuzione delle API che, agendo da connettori di un servizio verso l’esterno, possono essere utilizzate dagli sviluppatori per realizzare nuove applicazioni.  

API e microservizi hanno funzioni distinte ma concorrono al funzionamento di architetture applicative moderne che sempre più contribuiscono al business delle aziende. 

Cosa sono i microservizi e quali vantaggi hanno? 

In un’architettura a microservizi, le applicazioni vengono organizzate nelle loro funzioni di base come un insieme di piccoli componenti (servizi) che funzionano indipendentemente l’uno dall’altro.
Ogni microservizio deve soddisfare una specifica esigenza di business ed è indipendente da altre funzionalità che compongono l’applicazione. 

Un approccio architetturale basato sui microservizi ha enormi vantaggi rispetto alle applicazioni monolitiche che, ad un certo stadio del loro ciclo di vita, diventano complicate da modificare a causa dell’elevata interdipendenza tra i vari componenti software, con ripercussioni sulla produttività ed efficienza dell’IT.
Tra i principali vantaggi troviamo: 

1. La capacità di adattamento alla complessità del business
Adottare un’architettura a microservizi significa strutturare le applicazioni attorno a specifici requisiti di business con la possibilità di riutilizzarli in più processi a seconda delle necessità, velocizzando il time-to-market.

2. Scalabilità & Fault Tolerance
La scalabilità è un aspetto chiave dei microservizi: ogni servizio è un componente indipendente ed è possibile ampliarlo senza effetti su altri componenti. Servizi business-critical possono essere installati su più server per avere garanzie di affidabilità e performance. 

3. Evoluzione e agile delivery
Un microservizio evolve e viene aggiornato indipendentemente dagli altri componenti. Questo consente ai team di sviluppo di specializzarsi, gestendo in maniera ottimale tutte le fasi di sviluppo, testing e installazione del componente. 

4. Flessibilità
È possibile scegliere la tecnologia più adatta alle esigenze del singolo servizio. Ciò non implica una rincorsa all’ultima tecnologia disponibile, bensì a quella più funzionale. La ridotta dimensione del microservizio aiuta inoltre a rendere indolore l’aggiornamento a versioni più recenti dei framework utilizzati. 

La funzione delle API in un’architettura a microservizi 

Se i microservizi sono singole funzionalità separate e indipendenti tra loro, le API sono i connettori dei servizi verso l’esterno, che abilitano l’interazione tra due o più software.  

In questo contesto, definire le API di un microservizio vuol dire definire come questo può essere invocato/interrogato dall’esterno. Se le API rimangono invariate, la modifica del codice interno del microservizio non compromette la compatibilità dei servizi verso l’esterno. In un’architettura API multi-livelloogni strato può essere composto da più microservizi che comunicano tra loro a diversi livelli di astrazione tramite le API. 

microservizi possono comunicare tra di loro attraverso due modalità: 

  • in modo sincrono, solitamente attraverso API REST; 
  • in modo asincrono, attraverso piattaforme di messaging o streaming. 

In entrambi i casi, è fondamentale definire un approccio strategico alle API che consenta ad ogni componente di evolvere senza pregiudicare il funzionamento degli altri microservizi. 

Perché adottare un’Architettura IT basata su microservizi e API 

In un contesto di mercato fortemente digitalizzato, in cui le aspettative degli utenti sono sempre più elevate, le aziende devono essere capaci di adattarsi alle dinamiche competitive rispondendo velocemente con soluzioni e servizi innovativi e al passo con i tempi. 

Le Architetture IT basate su API e microservizi consentono di sviluppare e gestire applicazioni enterprise in continua evoluzione e sono ideali per progetti di grandi dimensioni che richiedono un aggiornamento frequente dei diversi componenti.  

La loro adozione, tuttavia, richiede un approccio strategico e una serie di accorgimenti strutturali e operativi che consentono di sfruttarne il potenziale e di diminuire i rischi derivati dalla loro complessità.

iscriviti-alla-newsletter

Condividi su:

Enrico Costanzi

  • open banking psd2 opportunità

    PSD2 e Open Banking, tra sfide e opportunità

  • SPID tariffario

    SPID: pubblicato il tariffario per Service Provider privati

  • Creare opportunità di business con un approccio strategico alle API

  • API Design: progettare con un approccio outside-in

  • Progettare API user-centered per creare valore nell’API Economy

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci i tuoi dati e ti iscriveremo alla nostra Newsletter. Riceverai una mail ogni volta che uscirà un nostro nuovo articolo. Non ti preoccupare, non ti intaseremo la casella di posta e - se cambierai idea - potrai cancellarti in qualsiasi momento.
* campi richiesti
Interessi
Privacy *
×
CORSO
Il Design Thinking come approccio all'innovazione
Scopri come progettare soluzioni innovative per la tua azienda
Iscriviti al corso