• Digital Transformation

Innovare = digitalizzare: considerazioni in viaggio verso il Forum PA 2016

26 Mag 2016 - Nessun commento - by Alessandro Lavarra

Innovare = digitalizzare: considerazioni in viaggio verso il Forum PA 2016

26 Mag 2016 - Nessun commento - by Alessandro Lavarra
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Lavoro in una società con 20 anni di storia, sicuramente un bel segno di solidità, competenza ed esperienza. Ma, per il nostro settore, la caratteristica che ci rende utili per i nostri clienti è la capacità di guardare al futuro, di riconoscere e gestire il cambiamento per coglierne le opportunità e minimizzare i rischi che ogni trasformazione comporta.

Il cambiamento, a volte, arriva per la comparsa di una tecnologia o di un fenomeno improvviso, è un cambiamento evidente che ti costringe ad un adattamento rapido e non lascia dubbi sul da farsi; a volte il fenomeno è più lento ed è più facile sottovalutarlo o trovarsi improvvisamente in ritardo senza aver riconosciuto per tempo gli impatti sulla nostra organizzazione.

Questo è il caso della Digital Transformation, che ultimamente è un argomento molto sentito ed è balzato tra le prime 5 priorità dei CIO mondiali quando solo qualche anno fa era tema per ristretti circoli di analisti. Ma la trasformazione digitale ha una genesi molto più lontana e procede lentamente con caratteristiche di inesorabilità.

Dal nostro punto di osservazione e per la nostra natura di innovatori su questo tema, stiamo ragionando da tempo: l’orientamento alla digitalizzazione ha caratterizzato molte decisioni fino a far maturare alcune scelte strategiche dal profondo impatto anche sulla nostra organizzazione. Il dibattito interno è vivace sul nostro ruolo nella trasformazione digitale, sugli approcci, su quanto i nostri metodi siano compatibili con questa rivoluzione, su come trasformarci per essere attori protagonisti ed essere guida per i nostri clienti nel percorso di cambiamento.

Cambiamento che oggi è sostenuto anche dalle leggi dello Stato che, nonostante qualche rallentamento o inciampo, stanno imprimendo una discreta velocità al processo di trasformazione. Tra le parole della Pubblica Amministrazione è infatti sempre presente “Digitale”:  Sanità Digitale, Scuola Digitale, Amministrazione Digitale, Agenda Digitale… leggi e norme e in generale stanno imprimendo una direzione chiara, la direzione della digitalizzazione.

Quindi cosa significa digitalizzazione?

Come spesso mi capita per riprendere il filo quando un termine è molto utilizzato, se non abusato, ricomincio dal significato primo. Ma, in questo caso, per “digitalizzazione” non è sufficiente il dizionario, per cui cerco di darne una definizione più mirata:

Digitalizzazione è l’uso delle tecnologie digitali orientate alle persone per cambiare un modello di business e fornire nuove opportunità di guadagno; è il processo di spostamento del tradizionale modo di gestire il lavoro ad a un sistema fondato sugli strumenti digitali che aumentano la velocità delle transazioni (a volte azzerandone i tempi grazie ad automatismi), garantiscono l’accessibilità alle informazioni e ai servizi senza limiti di tempo e di luogo e affrancano dal bisogno di luoghi fisici o attività live.

La digitalizzazione quindi non è solo adottare della tecnologia ma è un modo nuovo di porsi agli agenti economici (siano clienti, utenti, cittadini, fornitori o il proprio personale) che diventano il centro verso cui orientare l’attenzione nel progettare la trasformazione. È un modo nuovo di vendere e di erogare i propri servizi se non di ripensarli radicalmente o inventarne di nuovi, è un modo nuovo di lavorare fatto di processi automatici e informatizzati, arrivando anche ad includere nei processi le “cose” divenute ora intelligenti (il famoso Internet of Things) con al centro i fruitori, le persone.

Il mondo della digitalizzazione è un mondo fatto di interazioni, di rapidità, di apertura, di superamento del muro dietro al quale le organizzazioni e gli enti fino ad oggi hanno agito, un mondo di scambio immediato, dove l’aspettativa è un feedback istantaneo. Oggi le persone vogliono interagire con noi subito, con qualsiasi strumento in qualsiasi posto si trovino. Tutto il resto è vecchio, è lenta burocrazia, è superato. A pretendere la trasformazione sono le persone, i nostri clienti, utenti, cittadini, guidati dalle loro abitudini e aspettative e dal loro unico modo di agire che è digitalizzato, e noi o siamo pronti a parlare con loro nell’unica lingua conosciuta o, semplicemente, per loro non esistiamo.

In conclusione, “digitalizzazione”, che ingannevolmente sembra voler dire “aggiornare le tecnologie”, significa invece orientarsi alle persone e alla loro richiesta di presenza, disponibilità, immediatezza, accessibilità. Certo è che, per farlo, le tecnologie sono un requisito fondante ma diventano un mezzo e non un fine del nostro processo di ristrutturazione.

Ci vediamo al #forumPA2016 dove le parole chiave degli oltre 150 eventi saranno Cambiamento e Digitalizzazione!

iscriviti-alla-newsletter

Condividi su:

Alessandro Lavarra

Digital Transformation e Inbound marketing specialist - Intesys
  • 4 API trend da seguire nel 2020

  • I top digital trend per il 2020: uno sguardo verso la prossima frontiera

  • Digital Employee Experience: migliorare la produttività del lavoro in modo smart

  • Headless & API date: l’appuntamento dedicato a come innovare le Architetture IT

  • Le Architetture IT che abilitano la Trasformazione Digitale

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci i tuoi dati e ti iscriveremo alla nostra Newsletter. Riceverai una mail ogni volta che uscirà un nostro nuovo articolo. Non ti preoccupare, non ti intaseremo la casella di posta e - se cambierai idea - potrai cancellarti in qualsiasi momento.
* campi richiesti
Interessi
Privacy *