I Backend Service Engine sono stati introdotti all’interno della Digital Transformation Platform per dare una risposta alle tipiche esigenze dei progetti che hanno un impatto su tanti touchpoint diversi (pc, tv, smartphone, tablet).

Le criticità dei progetti multi-touch point

Ogni touch point è caratterizzato da esperienze utente diverse e da specifiche tecnologiche determinate dal preciso contesto di utilizzo. Tutto questo determina delle criticità:

  1. Moltiplicazione delle applicazioni in funzione del singolo punto di contatto: un utente può interagire con applicazioni per tablet e per smartphone, con applicazioni web su sistemi desktop, oppure tramite applicazioni per nuovi dispositivi Smart come TV o Totem, etc.
  1. Aumento dell’impatto delle utenze sui sottosistemi: la moltiplicazione dei touch point cambia il modo di progettare e sviluppare le interazioni tra aziende e utenti. Fattori determinanti sono la numerosità degli utenti, la frequenza e la varietà di utilizzo del sistema, ed infine il loro impatto sulle chiamate verso i sottosistemi.

Le criticità dei progetti multi-touch point

Ogni touch point è caratterizzato da esperienze utente diverse e da specifiche tecnologiche determinate dal preciso contesto di utilizzo. Tutto questo determina delle criticità:

  1. Moltiplicazione delle applicazioni in funzione del singolo punto di contatto: un utente può interagire con applicazioni per tablet e per smartphone, con applicazioni web su sistemi desktop, oppure tramite applicazioni per nuovi dispositivi Smart come TV o Totem, etc.
  1. Aumento dell’impatto delle utenze sui sottosistemi: la moltiplicazione dei touch point cambia il modo di progettare e sviluppare le interazioni tra aziende e utenti. Fattori determinanti sono la numerosità degli utenti, la frequenza e la varietà di utilizzo del sistema, ed infine il loro impatto sulle chiamate verso i sottosistemi.

I vantaggi messi a sistema con il Backend Service Engine

  • garanzia di scalabilità, affidabilitàresilienza
  • sviluppo di servizi alle applicazioni di front end (web e mobile application)
  • integrazione ed implementazione di logiche di business
  • interazione coi sistemi sottostanti

Come operiamo: sistemi Liferay DXP e Jhipster con tool specifici

All’interno della Digital Transformation Platform abbiamo scelto di sviluppare competenze su tecnologie e protocolli che garantiscono standard riconosciuti e oggi operiamo:

  • Con due sistemi back end per applicazioni mobile e SPA che, in base al contesto di utilizzo e all’architettura del progetto, sono il sistema Liferay DXP e il sistema Jhipster
  • Con tool e semilavorati specifici per rendere efficace la predisposizione della architettura.

Come operiamo: sistemi Liferay DXP e Jhipster con tool specifici

All’interno della Digital Transformation Platform abbiamo scelto di sviluppare competenze su tecnologie e protocolli che garantiscono standard riconosciuti e oggi operiamo:

  • Con due sistemi back end per applicazioni mobile e SPA che, in base al contesto di utilizzo e all’architettura del progetto, sono il sistema Liferay DXP e il sistema Jhipster
  • Con tool e semilavorati specifici per rendere efficace la predisposizione della architettura.

Esempio di architettura Backend Service Engine

Architettura della componente Backend Service Engine all’interno della Digital Transformation Platform.

Servizi esposti dai sistemi di Backend Service Engine

I sistemi di Backend Service Engine riescono a servire sia applicazioni di Front-End sia applicazioni correlate ai flussi di processi interni e sistema legacy.

 

  • Comunicazioni: gestione delle comunicazioni con le applicazioni di front end: applicazioni mobile e applicazioni SPA e gestione della sicurezza
  • Utenze: gestione dei servizi relativi alle utenze: registrazione, autenticazione e autorizzazione
  • Servizi applicativi: servizi che includono la custom business logic
  • Design e documentazione dei servizi: Utilizziamo lo standard de facto “swagger” per la progettazione, la documentazione e il test dei servizi
  • Contenuti: i servizi che espongono i “contenuti”
  • Servizi di persistenza: i servizi legati alla persistenza dei dati su DB o di gestione dei files (storage management)
  • Notifiche Push: gestione delle notifiche push
  • Gestione delle comunicazioni verso i servizi cloud
  • Messaging: i servizi di messaggistica applicativa
  • Caching: i servizi di caching avanzato
  • Fault Tollerance: la gestione della fault tolerance dei servizi di Front End, attraverso la libreria Hystrix
  • Offline Management: gestione delle logiche di sincronizzazione dei dati in caso di funzionamento offline delle applicazioni mobile
  • Integrazioni legacy: gestisce le integrazioni con i sistemi legacy
  • Back Office: applicazioni di back office per la gestione dei ruoli e degli utenti e per la gestione dei contenuti
  • Monitoring e reportistica: sistemi di reportistica dei servizi

Vuoi comprendere come la nostra digital transformation platform può supportare i tuoi processi?

Contattaci